Il futuro è nel digitale (ma non per tutti)

L’ultima novità del mondo editoriale è che l’Indipendent, quotidiano fondato nel 1986 e che tre anni dopo aveva già una tiratura record di oltre 400.000 copie, chiuderà l’edizione cartacea e si dedicherà solamente a quella digitale.

Non è il primo, non sarà l’ultimo.

“La verità è che non ci sono più sufficienti lettori disposti a pagare per un quotidiano cartaceo, specialmente durante la settimana”,  ha Amol Rajan, direttore dell’Indipendent, in un editoriale.  “Siamo letti da milioni di persone ogni giorno”, ha aggiunto, “ma ci leggono digitalmente, tramite i cellulari o i social networks. Voglio mandare il messaggio che anche se l’edizione cartacea cesserà, lo spirito e l’impatto di questo grande quotidiano continueranno a vivere”.

Quello che non dice, però, è quanti dei 150 giornalisti che oggi sono occupati a tempo pieno nella testata perderanno il posto. Nel futuro digitale, infatti, non c’è spazio per le redazioni su cui potevano contare i cartacei.

Purtroppo, le imprese editoriali in crisi non hanno saputo reagire in maniera diversa da tagliare stipendi e professionalità, chiudere le edizioni cartacee e preoccuparsi solo dell’informazione online.

Meno giornalisti significa anche – e soprattutto – meno qualità, ed ecco che così i siti web a volte si ritrovano ad essere degli spazi per copia – incolla di agenzia, “reportage” fatti dalla scrivania, falsi scoop pubblicati attraverso i social network per aumentare il traffico.

Alcuni (Il New York Times e il Washington Post negli Usa, Il Corriere in Italia) provano a muoversi con dinamismo tra nuove regole del giornalismo e dell’editoria, ma per il resto lo schema “chiudo il cartaceo àsnellisco la redazione àpunto tutto sul digitale” non fa altro che portarci vengo un’informazione sempre più omologata e “svuotata” dell’intento originario della professione giornalistica.  Speriamo che l’Indipendent ci stupisca.

Un commento Aggiungi il tuo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...